Mr. Brain (ita)

■ Titolo: MR. BRAIN
■ Genere: Commedia, Mistero, Crimine
■ Episodi: 8
■ Anno: 2009
■ Paese: Giappone
■ Sceneggiatura: Mitsuharu Makita, Yoshiko Morishita
■ Regia: Katsuo Fukuzawa, Yuichiro Hirakawa, Daisuke Yamamuro

CAST
Kimura Takuya: Tsukumo Ryusuke
Ayase Haruka: Yuri Kazune
Mizushima Hiro: Hayashida Toranosuke
Kagawa Teruyuki: Tanbara Tomomi
Daichi Mao: Sasa Miharu

TRAMA

Tsukumo è un neuroscienziato molto particolare; alza la mano come se fosse a scuola quando non capisce qualcosa e ama mangiare le banane. Nel suo lavoro però è un genio, molto acuto e brillante. Lavora infatti per l’Istituto di Polizia Scientifica ma è un po’ sottovalutato dai colleghi perché ha l’innocenza di un bambino. Ryusuke però non è affatto infantile, è solo un animo puro che vuole trovare una risposta logica, anche quando la logica non sembra centrarci affatto. Per far ciò usa i metodi più disparati e “vittima” dei suoi esperimenti è la sua assistente Yuri, che lo guarda sempre con occhi adoranti. Compagni di indagine sono l’ispettore di polizia Tanbara e il suo assistente Hayashida. Grazie ai metodi folli di Tsukumo, verranno risolti i casi più disparati e contorti e sarà bello vedere come tutti  colleghi malfidati e lo stesso Tambara, non potranno far a meno di chiedere il suo aiuto e di iniziare a provare una certa ammirazione, tanto da pensare che forse… mangiare banane… fa bene al cervello 😄

P.S. A parte il cast principale, ogni ep si arricchisce di star affermate, come: Gackt, Koyuki, Kamenashi Kazuya, Sato Takeru, Nakama Yukie e molti, molti altri.

Sigla iniziale del drama

Traduzione, grafica e hardsub: Exenia
Revisione: Alannah

Info-Brain

Bride of the Water God (ita)

 

■ Titolo: Bride of the Water God/The Bride of Habaek/하백의 신부
■ Genere: Commedia, Romantico, Fantasy
■ Tv: TVN
■ Episodi: 16
■ In Onda: 3 Luglio 2017
■ Slot: lunedì e martedì 23:00
■ Paese: Corea del sud
■ Sceneggiatura: Yoon Mi Kyung, (manhwa) Jung Yoon-Jung
■ Regia: Kim Byung Soo

CAST
Nam Joo Hyuk è Ha Baek
Shin Se Kyung è Yoon So Ah
Krystal è Moo Ra
Gong Myung è Bi Ryum
Lim Ju-Hwan è Hoo Ye

TRAMA

La settima marea rossa, proclamerà il futuro Imperatore degli Dei e Habaek, Dio dell’Acqua e prossimo Imperatore, deve riunire le tre Pietre degli Dei, per creare il sigillo reale. Le pietre sacre però, sono custodite da tre Dei che vivono sulla terra. Per tanto Haebek  è costretto a scendere nel mondo degli uomini, accompagnato dal suo fedele servitore Nam Soo Ri, per cercare gli Dei Custodi. Durante il viaggio però, la mappa con le coordinate per trovare le tre pietre, si perde e con essa anche i poteri di Habaek, che sarà costretto a questo punto,  a chiede aiuto ad una discendete di servitori divini So Ah.

So Ah, è una psichiatra, sommersa dai debiti del padre che non ha la più pallida idea di essere, da generazioni, destinata a servire un Dio. Per cui quando incontra Habaek, lo considera un pazzo e non capisce come mai si ritrova quest’uomo, bello ma dai modi rudi, sempre tra i piedi. Casualità vuole che So Ah incontri anche Hoo Ye, presidente di un resort che dopo un incontro non troppo felice, s’innamorerà di So Ah.

Habaek  di certo non è contento di stare sulla terra e deve risvegliare i ricordi della discendente a qualunque costo, per cui non esita ad usare il “bacio divino”, ma So Ah però non si risveglia e sembra proprio che tutto le vada storto. Non solo si ritrova a stare dietro ad un personaggio eccentrico come Habaek ma deve pure fare i conti con altri Dei come Moo Ra,  innamorata di Habaek da sempre e Bi Ryeom, Dio del vento.
Il bacio divino però sembra avere degli strani effetti collaterali…

 

Info-Wather

 

In collaborazione con world of sub

Empress Ki

  • Drama: Empress Ki/기황후
  • Regia: Han Hee
  • Sceneggiatura: Jang Young-Cheol, Jung Kyung-Soon
  • TV: MBC
  • Episodi: 51
  • Anno: 2013 – 2014
  • Paese: Corea del sud

Cast

  • Ha Ji-won è Ki Seung Nyang
  • Ji Chang-wook è Ta Hwan
  • Joo Jin-mo è Wang Yoo
  • Baek Jin-hee è Tanashri
  • Kim Ji-han è il generale Tal Tal
  • Jeon Kuk-Hwan è il Primo Ministro Yeon Chul

Trama

Narra la storia vera, tra finzione e realtà di una schiava che riesce a diventare Imperatrice di Yuan.

Goryeo era uno stato ancora giovane, assoggettato all’impero mongolo della dinastia Yuan e come ogni stato vassallo era tenuto a cedere dei contributi all’impero dominante, come; terre, armi, cibo e donne (di qualunque età o ceto sociale).
La piccola Nyang e sua madre furono deportate proprio come tributo ma Nyang riuscì a scappare grazie al sacrificio della madre. Da quel momento crebbe come un uomo per non rischiare nuovamente di essere deportata. Imparò le arti marziali e il tiro con l’arco, diventando così abile da attirare l’interesse del Re di Goryeo, Wang Yoo che la assoldò tra le sue guardie. Wang Yoo è un Re forte, capace e coraggioso e fu inevitabile per Nyang iniziare a provare dei sentimenti per lui.
In quel periodo Ta Hwan, fratello dell’imperatore di Yuan ed erede al trono, fu mandato in esilio dal Primo Ministro, con lo scopo di ucciderlo in terra straniera e impossessarsi del trono. Wang Yoo per evitare che il suo Paese ne potesse subire le conseguenze, incaricò Nyang di proteggere il futuro Imperatore. Ta Hwan però a differenza del coraggioso Re di Goryeo, è un ragazzo, immaturo e codardo, cresciuto ignorante per volere del Primo Ministro ma nonostante questo, suscita tenerezza in Nyang. Questo sentimento si trasformerà presto in odio, quando Ta Hwan, a causa delle minacce e delle pressioni del Primo Ministro, sarà costretto a tradire la fiducia di Nyang e a far giustiziare il padre di lei, accusandolo di essere il mandante della sua uccisione. Da quel momento l’unico scopo di Nyang è quello di vendicarsi e come Donna, entra a palazzo di Ta Hwan, ora mai divenuto Imperatore…

Considerazioni personali

Questo è il drama che mi ha fatto conoscere il mio capo harem “Ji Chang Wook(ho mandato in pensione il mio Deo, Bae Yong Jun)

Questo è davvero uno dei miei drama preferiti, insieme a Scarlet, Goblin e the legend… al momento sono questi.

Molti di voi non l’avranno visto, frenati da 51 ep… eh, sì sono tantissimi per un drama kore, però vi posso assicurare che merita davvero… dico sul serio, non bloccatevi per questo. L’inizio del drama è molto scorrevole e ci sono scene esilaranti, come il primo incontro tra Nyang e Ta Hwan. Lui qui mostra tutta la sua figaggine e il suo sex appeal, cadendo nel letame e facendosi picchiare da Nyang… come si può non apprezzare una scena così “romantica”?

All’inizio Ta Hwan ne fa di tutti colori alla povera Nyang ma ben presto diverranno amici, anche se quest’amicizia s’inclinerà quando Ta Hwan sarà costretto a tradire la fiducia di Nyang 

All’inizio Ta Hwan non è proprio il principe azz… l’imperatore azzurro che potremo immaginare. È un ragazzino viziato, codardo e succube del Primo Ministro. È praticamente l’opposto del Re affascinate e coraggioso, leader ammirato e rispettato che è Wang Yoo; però questo ragazzino, che non ha mai ricevuto amore, tranne che dal fratello maggiore (l’imperatore morente) riuscirà a entrare nei vostri cuori. Certo… è facile apprezzare la figaggine di Ji Chan wook, ma qui mostra davvero, come in ogni suo drama, le sue grandi doti artistiche.

Quando Nyang entra a palazzo con lo scopo di vendetta, Ta Hwan la osserva e si innamora quasi subito di lei e fa di tutto per conquistarla… anche se usa dei metodi sbagliati…

ma sicuramente poi trova il metodo più adatto… perché poi lei finalmente capitola. Ci vogliono non so quanti ep prima che avvenga… ma succede…. che ci volete fare, con argomenti così interessanti chi non capitolerebbe? 

Nyang così diventa Imperatrice…

È bello vedere come cambiano man mano i sentimenti di lei e il carattere di lui. È un passaggio graduale ma evidente in entrambi.

Lei prima amava Wang Yoo o meglio… credeva di amarlo, a mio parere era solo ammirazione; poi l’affetto che prova per Ta Hwan diventa amore vero. Lui invece mostra sempre il suo amore… un amore immenso e sincero dall’inizio alla fine ma cambia il modo di manifestarlo… da amore impacciato di un ragazzino… diventa l’amore forte di un uomo. Perché è proprio lui a cambiare. Questo imperatore tontolone, riuscirà a maturare grazie a Nyang diventando un vero Imperatore e non un burattino in mano al Primo Ministro.

Non mancheranno occasioni in cui vi ribollirà il sangue, specie quando entrano in scena il Primo Ministro e sua figlia Tanashri… prima moglie di  Ta Hwan, (anche se poi entrerà in scena un’altra figura che a confronto Tanashri diventa una Santa). Una scena che mi ha riempito di rabbia è quando il Primo Ministro si siede sul trono e sfida apertamente l’imperatore… come a dire “Sono io quello che comanda, tu sei solo di facciata”. Che nervi! 

In diverse occasioni umilierà il nostro povero Ta Hwan… ma non mancheranno scene dolcissime come quella in cui Nyang consola Ta Hwan, si tappa le orecchie e gli fa capire che lei non sente e non vede niente delle cattiverie che fanno o dicono su di lui… 

Soprattutto non mancheranno le scene pucciose… quelle che vi faranno sospirare…     

Potrei parlare all’infinito di ogni momento toccante, di questo drama ma non voglio togliervi il gusto di vederlo… Ho parlato dei personaggi principali, ma davvero questo drama ha un cast eccezionale. Ho amato anche i personaggi secondari come il generale Tal Tal, uno stratega eccezionale, come lo è stato davvero; ed il capo degli eunuchi, che aiuterà i protagonisti in diverse occasioni.

Non solo la storia è fatta benissimo ma ci sono scenografie e costumi stupendi, per non parlare degli ornamenti… e io, come amante dei “brillocchi” non ho potuto fare a meno di notarli. 

Infine vi lascio con un video fatto da me, con le scene che ho più amato. Il video è diviso in due parti… come in realtà è anche questo drama… lato comico e lato serio… lo amo troppo questo drama… vedetelo… vedetelo… vedetelo… 

Sub ita a cura del DSS-Italian team

Life Risking Romance (ita)

Titolo: Risking Romance/목숨 건 연애
Genere: Commedia, Romantico, Thriller
Durata: 103 min.
Anno: 2016
Sceneggiatura: Kim Ba-Da, Song Min-Gyu
Regia: Song Min-Gyu
Paese: Corea del sud

CAST
■ Ha Ji-Won è Han Je In
Chun Jung Myung è Seol Rok Hwan
■ Chen Bolin è Jason
■ Yoon So Hee è Jung Yoo Mi
■ Oh Jung Se è Heo Jong Goo

TRAMA

Je In è una scrittrice di romanzi gialli che ha pubblicato un solo romanzo in cinque anni. Proprio per questo, cerca ispirazione in giro per il suo quartiere, pieno di possibili criminali. Così ogni volta che vede un sospetto, non esita a riferirlo alla polizia; ma dopo aver denunciato mezzo quartiere, non le crede più nessuno.

Allora decide di trovare spunto, da una serie di omicidi seriali, che stanno accadendo da un po’ di tempo in quella zona. Per questo indagherà da sola per catturare lei stessa il serial killer. Peccato che Je In, sia una pessima detective. Fortunatamente ad aiutarla, ce ne sarà un vero, Rok Hwan; suo amico d’infanzia e innamorato di lei, da sempre. 

Un giorno, però, appare un uomo affascinante e misterioso, Jason, che farà palpitare il cuore di Je In; ma le sue paranoie non tarderanno a mostrarsi. Jason è affascinante ma nasconde di certo qualcosa e forse non è l’unico… anche Rok Hwan nasconde un segreto.

Riuscirà Je In a catturare il criminale? O sarà il criminale a catturare Je In?

 Trailer

 

Info-Life.R.R.

Wind of new life – Vento di nuova vita

107926669-176-kc37d39

 

Oltre alla passione per i drama, amo immensamente leggere. Mi piacciono i triller, gli storici, i fantasy e soprattutto le storie d’amore… perché sono un’inguaribile romantica!

In genere leggo solo autori conosciuti ma da pochissimo mi è capitato per le mani questa chicca, Wind of new life. Lo iniziai per puro caso consigliatomi da un’amica. Già dal primo capitolo, noto lo stile scorrevole e l’inizio di una storia, che diventa interessante man mano che leggi. All’inizio pensavo fosse qualche scrittrice a me sconosciuta perché non conoscevo wattpad; invece ho scoperto con mia grande gioia, che si tratta di una ragazza italiana, che scrive per passione.

Proprio per questo ho preso la decisione di recensire questo romanzo non ancora concluso…

Ma vediamo di che parla.
La protagonista è Selene, una ragazza che si è ritrovata a gestire una caffetteria a Taegu. Un giorno, durante un temporale, nella caffetteria, entra un ragazzo particolare, bello e misterioso, dai capelli rosa; Xi Yong, che mi ricordava tanto Gd, per questo ho messo lui come immagine.

Xi Yong però non è un ragazzo comune, infatti è un cantante, ma la sua particolarità non è solo quella; quando il suo cuore è sereno, splende il sole… (che sia un altro goblin?) Sicuramente però, sia lui che i sui amici; Nathan, Shisu, Choigi e Takumi, non sono persone comuni. Di certo stanno cercando qualcuno… cosa nascondono questi splendidi ragazzi, che sembrano venire da un mondo lontano e sconosciuto? 

Sono curiosa di scoprirlo anch’io continuando a leggere questa storia. Se volete iniziarlo anche voi, potete trovarlo qui Wind of new life

Cinderella and Four Knights (ita)

Info:
Titolo: Cinderella and Four Knights/신데렐라와 네 명의 기사
Genere: Commedia romantica
Episodi: 16
TV: tvN
Paese: Corea del sud
Anno: 2016
Sceneggiatura: Min Ji-Eun, Won Young-Sil, Lee Seung
Regia: Kwon Hyuk-Chan

Interpreti:
 Park So Dam è Eun Ha Won
■ Jung Il Woo è Kang Ji Woon
■ Ahn Jae Hyun  è Kang Hyun Min
 Lee Jung Shin è Kang Seo Woo
■ Choi Min è Lee Yoon Sung
Son Na Eun è Park Hye Ji

Trama:
Eun Ha Won è una ragazza che fa 10 lavori part-time per pagarsi la retta universitaria.  Non ha una vita facile a causa della matrigna e della sorellastra, ma grazie al suo carattere forte e alla sua determinazione, riesce a tener testa anche ai due rampolli di una ricca famiglia, Kang Ji Woon e Kang Hyun Min. Il nonno di questi ragazzi, il presidente kang, notando il carattere risoluto di Ha Won, decide di assumerla, con lo scopo di far raddrizzare i suoi tre smidollati nipoti e renderli degni di ereditare l’Haneul Group (azienda del nonno). Per questo Eun Ha Won si ritroverà a dover superare le missioni che il presidente Kang le affiderà e per questo dovrà convivere con quattro bellissimi cavalieri:

Kang Ji Woon, un ragazzo ribelle, che è stato costretto a condividere la casa con i suoi cugini, ma che non accetta le regole del nonno e non vuol aver niente a che fare con l’Haneul Group. Un ragazzo che vuole solo continuare la vita che aveva prima, di scoprire di essere nipote del presidente Kang.

Kang Hyun Min, il classico ragazzo viziato, che cambia donna come cambia scarpe e che tratta Park Hye Ji, amica d’infanzia e stracotta di lui… peggio di una pezza da piedi.

Kang Seo Woo, un ragazzo dolce, che ha il sogno di diventare un cantante famoso, l’unica persona normale della famiglia kang.

Lee Yoon Sung, Segretario Generale dell’Haneul Group, uomo tutto d’un pezzo,  affezionato ai cugini Kang, aiuterà in diverse occasioni Eun Ha Won nelle sue missioni quotidiane.

Considerazioni personali:

Cenerentola e i 4 gnocchi (è questa la vera traduzione) tratto da un romanzo di Baek Myo, è un drama a cui sono affezionata, dato che l’ho tradotto io; ma nonostante sia una delle mie creature, sarò obiettiva come sempre… 

Ho iniziato questo drama per la presenza di Jung Il Woo, che ho adorato in Flower Boy Ramyun Shop, uno, tra l’altro, dei miei drama preferiti

Appena ho iniziato questo drama sono andata in brodo di giuggiole, mi piacque subito ed ero strafelice di tradurlo. Non avevo problemi di sorta, sapevo benissimo chi erano i protagonisti assoluti e quindi a chi affezionarmi… mai presi una cantonata doramicha più grossa…  ma procediamo per gradi, iniziamo con la storia.

La nostra protagonista è una povera ragazza che lavora mattina, mezzogiorno, sera, insomma 24 ore su 24,  per racimolare i soldi della retta universitaria… che ragazza posata e studiosa…1495484252
Cenerentola però, ha una matrigna e una sorellastra (*gli è andata bene, qui ne ha solo una di sorellastra) che fanno di tutto per intracciarla.  Nonostante siano delle stron… delle persone poco carine, sinceramente non ho potuto far a meno di adorarle, anche perché sono le uniche “cattive” di un drama, a cui vanno a monte tutte le loro macchinazioni Sinceramente mi ricordavano il gatto Tom che faceva di tutto per beccare Jerry. Non saranno state brave a mettere in atto i loro piani malvagi, ma sono riuscite a catturare la mia simpatia… brave, non è da poco  

1495487667

Il personaggio invece che ho odiato di più è stato… quella tipa… lei… la sarta d’oriente… cosa… l’ameba… come si chiama… insomma Park Hye Ji. (*Come mi viene pesante scrivere di lei) vabbè mi tocca.
Che dire di questo personaggio… Non è cattiva, non è meschina, si affeziona pure ad Ha Won, nonostante ne sia gelosa… ma il punto è questo… sono più i “non è”, che  gli “è”
Essere o non essere… è questo il problema! O meglio, il problema è lei…
Questo personaggio l’ho trovato così insulso… una donna che va dietro un uomo per anni… Anni! Per una promessa fatta da bambini! Ma siamo seri?
All’inizio pensavo che avesse avuto una storia con Hyun Min, che avessero litigato da adulti, insomma qualcosa di “normale”. Questo essere unicellulare, è andata dietro Hyun Min solo perché si erano promessi di sposarsi quando avevano 10 anni… ora… posso capire il fascino del primo amore… ma qui esageriamo… Figlia mia, hai sofferto 10 anni solo perché un bambino dell’elementari ti ha mollata… ma ci sei o chi fai? Non voglio sprecare altre parole per questo essere; proseguiamo con la storia…

1495484295

Come ogni favola che si rispetti non può mancare il Principe Azzurro;
e qui la nostra cenerina è proprio fortunata, ne ha ben 4.

Kang Seo Woo, la dolcezza fatta a persona; peccato che la maledizione di Jung Yong Hwa abbia colpito anche lui… Sti poveri Cn-Blue, nei drama non riescono mai a superare la Friendzone.

Lee Yoon Sung, un bel personaggio; bello, figo,  che però… niente spoiler (*si auto censura) l’uomo che sorride sempre…

Vabbè raramente… ma quando lo fa…

1495484292

Leggendo il nome dei protagonisti maschili, salta subito all’occhio che il vero principe è il Il Woo, quindi Kang Ji Woon, il ragazzo ribelle, il duro fuori, il bad boy…

*Ok, non sei credibile così…

Comunque l’ho iniziato per lui, quindi sapevo benissimo che fosse lui l’uomo da amare… però… però…

Non avevo fatto i conti con la mia “sindrome del secondo leed” (*Angolo medicina 33. La sindrome del secondo Leeder è quella rara patologia, che colpisce le doramiste in maniera improvvisa e subdola. Il sintomo più grave è l’amore indiscusso per l’antagonista maschile… chi ha questo sintomo si rassegni, non c’è cura)

Quindi a causa di questa mia maledetta malattia, piano, piano, cheto, cheto, quel maledetto di Kang Hyun Min si è intrufolato nel mio cuore, illudendomi in maniera a dir poco scandalosa.

*mi sciolgo…

Il personaggio di Hyun Min è infatti  il mio personaggio preferito (* Non si era capito vero?) Apparentemente superficiale, sciupa femmine; nasconde una sensibilità e un infantilismo innocente, di chi è dovuto crescere senza l’amore di una madre e con la freddezza di un nonno severo. Nei primi episodi, questo personaggio è riuscito ad oscurare la presenza di  Ji Woon. Premetto che si capisce subito che Ji Woon è il vero principe, ma sinceramente a mio parere la recitazione di Il Woo in questo caso mi ha lasciata parecchio delusa. Sarà che gli sceneggiatori avranno sbagliato in qualcosa, sarà stato lui a non far emergere il personaggio, non so trovare giustificazione, so solo che per metà drama, ho avuto occhi solo per Jung Shin, un attore che è sempre passato in secondo piano. In questo drama invece è riuscito a far emergere davvero un bel personaggio.

1495484521

*Non litigate per me 

Durante la visione ho fatto due chiacchiere con Il Woo… sì gli ho parlato… di cosa vi stupite? Gli ho detto chiaramente: Woo amore mio… qui le cose sono due o ti svegli e fai uscir fuori il personaggio di Ji Woon o ti tradisco spudoratamente con Hyun Min. 

1495484231

*Eh, sì 

Mi sa, che invece di Il Woo, mi avranno sentito gli sceneggiatori, perché a metà drama, hanno trasformato il personaggio frizzante, carismatico e anche un po’ bastard inside, di Hyun Min, in un emerito idiota… Sinceramente  penso, con tutta onestà, che Ahn Jae Hyun sia stato così bravo nella recitazione, da offuscare Il Woo; per cui hanno trovato un modo… poco carino a parer mio, per far emergere il protagonista, ecclissato fino ad allora dal suo antagonista. Anche per questo il seguito del drama, sempre carino, per carità, non mi ha preso, come all’inizio. La storia d’amore di Cenerentola, segue il suo filo logico,  fino al classico happy ending, rendendo felici tutte le fans di Il Woo e lasciando col boccone amaro moi… pazienza mi rivedrò ramiun shop per riaccendere l’amore per Il Woo, o magari rivedrò quella cavol… capolavoro di Blood. 

Fatto sta… che consiglio la visione di questo drama… anche perché è leggero, senza pretese, che si fa vedere tranquillamente, ma soprattutto perché  l’ho tradotto io, quindi vi tocca

Info-Cinde

The Restless (sub ita)

Titolo: The Restless
Provenienza: Corea del sud
Durata: 105 min.
Genere: Fantasy, romantico
Rilasciato: 20 Dicembre 2006
Diretto da: Jo Dong-oh
Prodotto da: Kim Seong-soo
Scritto da: Jo Dong-oh e Choi Hee-dae
Musiche di: Shiro Sagisu

Interpreti:
Kim Tae-hee è So-hwa/Yon-hwa
Jeong Woo-seong è Yi Gwak
Heo Joon-ho è Ban-chu
Park Sang-wuk
Kim Kwang-il
Yoo Ha-joon
Park Jeong-hak

Trama:
Siamo nell’AD 924, Alla fine del regno Unito di Shilla in una terra provata da rivolte e guerre causate da un governo corrotto. I cacciatori reali di demoni, i Chuyongdae, sollevarono una rivolta a favore del popolo, ma fallirono miseramente e furono sterminati.
Le forze del male vagano sulla terra e Il popolo ridotto ormai alla disperazione, è costretto ad offrire sacrifici umani.
In questa desolazione YI Kwak, l’ultimo dei Chuyongdae dopo essere stato drogato dal popolo di un villaggio che aveva aiutato, si ritrova misteriosamente in un altro mondo, “il cielo di mezzo”, situato a metà fra cielo e terra; un luogo di transizione dove gli spiriti restano per 49 giorni fino alla reincarnazione.
In questo mondo ritroverà i suoi compagni Chuyongdae.
Ma perché adesso i Chuyongdae non esitano ad usare gli stessi demoni che combattevano,
E chi è in realtà il mietitore bianco che assomiglia così tanto al suo amore perduto?

Considerazioni personali. Questo è un film a cui tengo molto, non solo perché è la mia prima traduzione ufficiale (la prima in reatà fu “liar game final stage”) ma è un film bellissimo che travolge… la fotografia e le varie sequenze sono dei quadri. Vi consiglio di cuore di vederlo, non ve ne pentirete di certo.

 

Trailer

 

Info-Restless

While You Were Sleeping (ita)

Titolo: While You Were Sleeping (당신이 잠든 사이에)
Genere:  Romantico, Fantasy
Tv: SBS
Episodi: 32 (ep da 30 min. 16 ep effettivi)
In Onda: 27 Settembre 2017
Slot: Mer. & Gio. 22:00
Paese: Corea del sud
Sceneggiatura: Park Hye Ryun
Regia: Oh Choong Hwan
 

CAST

Lee Jong Suk è Jung Jae Chan
Bae Suzy è Nam Hong Joo
Lee Sang Yeob è Lee Yu Beom
Jung Hae In è Han Woo Tak

TRAMA

Jung Jae Chan è un giovane procuratore penale che vive con il fratello.
Esternamente appare come un uomo brusco che non mostra emozioni e sorride raramente, ma in realtà ha un animo candido. Non appena si trasferisce nella sua nuova casa, ha la fortuna-sfortuna di incontrare Nam Hong Joo.

Nam Hong Joo è un’ex-giornalista che vive con la madre e gestiste insieme a lei un ristorante di pancetta di maiale. Bivacca in una stanza maleodorante ma soffre della sindrome da “Principessa”. Nonostante questo è una ragazza allegra e molto diretta. Si prende quasi subito una cotta per Jung Jae Chan (come non darle torto) ed è convintissima che anche lui abbi una cotta per lei, anche per questo non mancheranno occasioni in cui metterà in imbarazzo Jae Chan.

Nam Hong Joo però ha un dono, se vogliamo chiamarlo così; ha la capacità di fare sogni premonitori. Sogna eventi sfornutati prima che questi avvengano. Non è mai riuscita però a cambiare questi eventi finché non incontra Jung Jae Chan, che per qualche strano motivo, dopo aver incontrato Hong Joo, inizia a fare anche lui  di questi sogni. Jae Chan pertanto, anche se riluttante, dovrà lavorare a stretto contatto con Nam Hong  per evitare che questi sogni si avverino.

Ma cosa accade se si cambia il futuro? Che direzione prenderanno gli eventi cambiati?Sarà migliore… o peggiore?

Trailer

Video by me. SPOILER KISS

 

Info-Sleeping

BJD handmade

Considerando che nel mio Kore sono ancora una bimba, adoro tutte le bambole, di qualsiasi fattura; di pezza, di porcellana, di carta… ma da qualche anno a questa parte ho scoperto l’esistenza delle BJD, che letteralmente vuol dire Ball Jointed Doll, ossia bambole articolate con dei giunti a sfera. Oggi si riferisce a delle bambole in resina da collezione di origine asiatica (Giappone, Korea e Cina). Queste bambole hanno la particolarità di essere personalizzabili al 100%. Sono formate di parti che possono essere cambiate a piacimento, come occhi, testa, capelli ecc. Le articolazioni stanno insieme grazie alla presenza di un elastico interno che gli conferisce una mobilità estrema.
Si posso creare dei veri capolavori o anche dei mostri, a seconda dei gusti

Si possono mescolare anche pezzi di marche diverse creando degli “ibridi”.
Alcuni rimodellano addirittura, parti già esistenti, per cui queste “bambole” diventano dei pezzi unici.
La bellezza delle BJD sta nella caratteristica di essere davvero realistiche, tanto da assomigliare a persone vere e tutto dipende dalla bravura dell’artista che le dipinge, infatti i volti (face-up) e i corpi (body-blush), sono tutti dipinti a mano. Più l’artista è bravo, più sembrano vere. Molti ne restano impressionati ma non sempre apprezzate, per alcuni possono sembrare inquietanti, io le trovo affascinanti.

Ne esistono di varie dimensioni; scala 1/3 (circa 65cm), scala 1/4, (45cm), 1/6 (35 cm), 1/8 (26cm), c’è anche una serie di circa 70-90cm.
In genere le BJD di 1/3 rappresentano persone adulte, quelle di 1/4, teenager e le altre bambini.

Le case più prestigiose che producono queste bambole sono la SoomDollshe Craft e altre, ma la mia casa preferita in assoluto é l’Iplehouse.
Queste bambole esteticamente bellissime, hanno però il “piccolo” difetto di non essere per niente economiche. Praticamente una BJD di 1/3 costa più o meno, quanto un i-phone di ultima generazione. Per questo hanno un mercato di nicchia, acquistate per lo più da collezionisti. Alcune BJD sono in edizione limitata e possono anche essere rivendute a prezzi più alti rispetto all’originale. Ah, per intenderci… il prezzo è riferito alla bambola nuda e cruda… ossia senza capelli, trucco e tanto meno vestiti, solo quelli costano quanto degli abiti veri se non più.

Nel mercato però esistono delle “copie” i recast, che non sono altro che ristampe di bjd originali, vendute decisamente a meno, anche se pure loro non sono regalate. Per cui chi volesse possedere una BJD ma non può o non vuole spendete cifre troppo elevate può optare per un recast, ma attenzione! A parte che queste non devono possedere nessun marchio, se no sarebbe contraffazione, bisogna far attenzione anche dove prenderle (io ho comprato dei recast e in un altro post vi racconterò le mie avventure e disavventure per acquistarli) ma veniamo al succo del post. Oggi vi racconterò come ne ho fatta una da zero.

Essendo letteralmente innamorata di queste bambole e ancor prima di scoprire lo Shopping on line, decisi di provare a farmene una… ero così determinata ad avere una di queste meraviglie che non potendola comprare, primo per il costo elevato… poi perché avrei dovuto acquistare dall’estero, cosa per me a quei tempi improbabile; decisi di provare a farne una tutta mia. Premesso che non sono un’artista (e si vede ), non ho studiato arte o altro, ogni lavoro che pubblico e pubblicherò, è frutto della mia innata pazienza. Questo vuol dire che.. se sono (bene o male) riuscita io… può riuscire chiunque, basta un po’ di pazienza.

Internet e you tube è piena di tutorial sulle bjd, un mondo dove ti spiegano come fare la più piccola parte e grazie agli innumerevoli video mi sono cimentata.

Prima di tutto mi son dovuta arrangiare, perché ripeto, al tempo non facevo acquisti on line e non avevo idea di come reperire certi materiali, per cui mi sono accontentata di quel che passava il “convento”, ossia il negozio d’arte sotto casa.

Per fare una bjd in genere si parte da un calco preesistente, dove si versa la resina e la si cuoce in un forno apposito. Considerando che non avevo e non ho idea di dove comprare la resina ma anche volendo il mio bel fornetto dove cuocio le mie torte non credo andasse bene, decisi di modellarne una partendo da un materiale più comune, il Das. In realtà esistono argille fatte apposta per creare queste bambole, come La Doll o Premiere, che si seccano all’aria e una volta essiccate si possono levigare con carta abrasiva ma che si trovano solo su internet.

Quindi mi sono arrangiata col Das, che ha il pregio di poter essere modellato bene, ma ha il difetto di asciugarsi troppo in fretta e di mantenere una grana non liscia anche dopo averlo levigato, ma nonostante questo mi ha dato grosse soddisfazioni.

Vediamo passo passo come ho fatto…
il materiale usato:
Das, tovaglioli di carta, nastro di carta, cannucce. Tutti gli strumenti per modellare la creta, carta abrasiva a grana grossa per levigare e a grana finissima per rifinire.


Prima ho fatto un progetto in scala

Ho fatto uno scheletro con le cannucce, i tovaglioli di carta e il nastro.
Questo serve perché sia il corpo che le articolazioni devono essere cavi dentro.

Ora arriva il bello e il difficile; ho modellato il Das per il corpo, le braccia, le gambe e la testa.

Una volta modellati corpo e arti, ho tolto lo scheletro interno. Ho tagliato verticalmente lungo i lati dividendo così in due sia gambe che busto; poi una volta tolto lo scheletro, ho rincollato i due pezzi con il Das. Per il corpo, mi dovevo creare l’articolazione del busto, perché così era rigido, invece le bjd hanno anche la parte superiore del copro movibile. Allora ho disegnato con la matita una linea di taglio orizzontale che partiva da sotto al seno e arrivava fino alla schiena. Poi con un coltellino affilato ho tagliato di netto. Lo scheletro del busto avrei potuto tirarlo fuori anche così, ma perché agevolarsi le cose se te le puoi complicare?

Ovviamente poi, con altro Das ho creato una base tondeggiante dove potesse poggiare e articolarsi la parte superiore del busto.

Una volta modellata la testa, ho tagliato la calotta per estrarre lo sceletro interno e rifinire l’apertura degli occhi.

Con del fil di ferro resistente, aiutandomi con una pinzetta, ho creato un gancio da infilare sulla parte superiore della testa e l’ho poi sigillata con un pezzetto di Das, questo mi è servito per fissare l’elastico del corpo (anche alle mani e ai piedi ho creato un uncino).

Con una perlina ho fatto gli occhi, l’ho divisa in due metà e le ho dipinte.

Prima di inserire gli occhi, ho attaccato dei pezzetti di ciglia finte e poi ho attacco gli occhi bloccandoli con del Das.

Infine ho assemblato tutti i pezzi e li ho dipinti con colori acrilici.



I capelli li ho fatti usando delle extension.


Ho cucito il vestito, un Hanfu, con dei rimasugli che avevo in casa.

Le scarpe le ho fatte con del cartoncino e della passamaneria.

Ed ecco la mia BJD finita… la mia bimba! 

“Ogni scarrafone è bello a mamma so”, diceva Pino Daniele… e per essere il mio primo lavoro sono tanto contenta… e credo sarà pure l’ultimo…