We can get married?

Info:

  • Drama: Can We Get Married?/우리가 결혼할 수 있을까
  • Revised romanization: Uriga Gyeolhonhal Soo Iteulkka
  • Regia: Kim Yun-Cheol
  • Sceneggiatura: Ha Myung-Hee
  • Network: jTBC
  • Episodi: 20
  • Anno: 2013
  • Paese: Corea del Sud

Interpreti:

  • Sung Joon è Jung-hoon (lo sposo)
  • Jung So-min è Hye-yoon (la sposa)
  • Kim Sung-min è Do-hyun (il cognato della sposa)
  • Jung Ae-yeon è Hye-jin (sorella della sposa)
  • Lee Mi-sook è Deul-ja (mamma della sposa)
  • Sunwoo Eun-sook è Eun-kyung (mamma dello sposo)
  • Kim Young-kwang è Ki-joong  (cugino dello sposo)
  • Han Groo è Dong-bi (amica degli sposi)
  • Choi Hwa-jung è Deul-rae (zia zitella)

Trama:

Questo drama parla del matrimonio e del diverso tipo di rapporto che le coppie possono avere… sì lo so, così la trama fa un po’ schifo ma se volete conoscere meglio la storia allora continuate a leggere… ma potrebbe contenere qualche SPOILER

Trama approfondita e Considerazioni Personali

Avete mai pensato al giorno delle vostre nozze?
Sognate di trovare il/la compagno/a della vostra vita, o magari l‘avete già trovato/a e fantasticate sul giorno delle nozze? Beh se vedrete questo drama vi passerà ogni voglia.
La storia parla di una coppia che è in procinto di sposarsi e ne segue una luuunga serie di episodi sull’allestimento del matrimonio e posso dire solo: “che stress!!!”

 

Episodio dopo episodio è stato uno stress come quando organizzi il tuo matrimonio. I genitori che s’intromettono o meglio le mamme (in fondo sono sempre loro) e che sinceramente avrei già mandato a quel paese da tempo. Poi penso che si tratta di un drama Kore e dico, “ok, per loro sta cosa è normale”.

I personaggi di contorno sono quelli che mi son piaciuti di più.

Tra loro ci sono; la sorella della sposa e il cognato. Nonostante lei fosse all’inizio solo l’amante del marito, grazie alla madre è riuscita a farlo divorziare e a sposarlo. Anche se può sembrare l’ennesima arrampicatrice sociale mi è piaciuta molto come personaggio, soprattutto quando, dopo aver scoperto che il marito la cornificava per l’ennesima volta… e dopo aver subito le angherie dell’amante che “tanto carinamente” la teneva aggiornata sulla relazione col marito mandandole delle foto per dire… cicca cicca , tuo marito è con me, cicca cicca… prendila in quel posto. Ma la cara mogliettina scocciata del “cicca cicca”, ha deciso di fare “cicca cicca” lei all’amante. Entra in casa dell’anoressica e spacca tutto con una mazza da baseball…

Grande scena, vedetta fu.

Poi ci sono le mamme… care mamme, cosa non farebbero per i loro figli…

ecco mamme non fate niente che è meglio. 

La madre di lei… una povera donna che all’inizio sembra una pazza scriteriata, ma che poverina ha dovuto crescere due figlie da sola e senza un soldo, fa di tutto perché le sue figlie abbiano il meglio. Fa di tutto ma lo fa male…

La mamma di lui che sembra tanto dolce… la suocera caruccia che fa i regali alla nuora ma che in cambio vuole dei regali da salasso. Pare sia uso in Corea che la sposa faccia dei regali (costosi) alla famiglia dello sposo (tutta la famiglia), per cui se volete sposare un coreano, sperate che sia orfano, perché dovrete fare regali a suoceri, zii, zie, nonni ecc.

Il personaggio che all’inizio preferivo era la zia della sposa. Una “vecchia zitella“ di 50 anni vergine (cavoli ha un fisico e una pelle più liscia della mia ) che assaporata l’ebrezza di un giro in moto diventa una rider sfegatata.


Compera moto, casco, giubbotto di pelle e si da’ alle pazze corse. Compagno di scorribande è un amico dello sposo. Il tipo ha 40 anni suonati ma veste da ragazzetto e chiama la zia “nuuna”, anche se cavoli, non ti fare troppo bello ripetendo che sei più giovane di lei perché a vederti sembri suo padre… 40 anni portati di cacca. Però come si fa a non innamorarsi di un uomo che ti dice “alla luce del sole sembri più vecchia”… nessuna potrebbe resistere a un complimento simile
Lui però qualcosa di carino riesce pure a dirla, tipo:  “non sono un grande uomo ma se avessi un’altra vita la vorrei passare con te”… e lei… “anch’io non sono una grande donna, per questo non voglio accontentarmi di un uomo qualunque”.
Ho adorato questa donna ma mi è scaduta quando da cinquantenne ha iniziato a comportarsi da quindicenne.

Ma i personaggi che mi son piaciuti di più sono:
Dong bi, l’amica della sposa e Ki-joong, il cugino dello sposo, che per semplificare lo chiamerò (il bastardo) e capirete anche perché. Questo tipo, dopo aver frequentato per cinque anni Dong bi, si fidanza con un’altra per soldi e liquida la sua ex dicendole: “sai… per me sei solo una trombamica e niente più!” (È o non è un bastardo? È un adorabile bastardo però)

E Dong bi che fa? Gli muore dietro cercandolo ancora… dico ma una dignità ce l’hai?
Lui però è troppo figo, ed è impossibile resistere… ti capisco povera Dong bi, l’ormone è debole.

La nuova fidanzata però pare lo tenga a stecchetto, alla fine per loro è solo una transazione, un contratto di lavoro, non un matrimonio. Infatti quando prova a baciarla lei gli chiede…”Ti piaccio?” e lui da bastardo inside qual è non si smentisce e risponde: ”amo tutte le donne, non sono un tipo esigente” (per la serie… basta che respiri). Ma pian piano il lato umano del bastardo viene fuori.

  • angolo dello psicologo…  il ragazzo sembra freddo e menefreghista ma sta manifestando una paura intrinseca dell’amore a causa del rapporto conflittuale con i genitori e del loro rapporto matrimoniale, per cui per timore di finire come i suoi genitori, ha paura di amare e di esternare i suoi sentimenti. Per lui il matrimonio è solo un affare, non potrebbe mai sposare la donna che ama per non farle provare la sofferenza che ha provato la madre ecc. ecc. Fine angolo dello psicologo.

Ma torniamo ai nostri sposini e all’allestimento delle nozze, in fondo è questa la storia portante anche se non me ne ero accorta…

Sposiamoci in hotel… No, sposiamoci in chiesa… ma l’hotel è più figo…. ma la chiesa è romantica…. e così per almeno tre ep… (Mi sono stressata per la location di un drama, neanche fosse stato il mio matrimonio).
Tra battibecchi, corna e organizzazioni del matrimonio, litigi e riappacificazioni…. ecco che la figura sfigata dell’amica della sposa (Dong bi) inizia a diventare interessante. Sembra nascondere qualcosa e una sera scompare improvvisamente. Per scherzo aveva detto… di essere la figlia di Steve Jobs. Sarà davvero figlia della Apple?
La protagonista però con la scomparsa dell’amica si rende conto di non conoscerla veramente. Allora non sapendo chi contattare per rintracciare l’amica, chiama il suo ex fidanzato che fa l’avvocato, ma proprio mentre si trovava nell’ufficio del suo ex la chiama il futuro sposo… e lei che fa? Invece di dire la pura verità, racconta un mare di fandonie provocando un casino dietro l’altro. E dopo una serie di incresciosi incidenti, il fidanzato “forse” e ripeto “ forse” inizia ad avere qualche sospetto (dico… il ragazzo sarà pure tonto, ma chiunque penserebbe male). Lui però sa perfettamente che la fidanzata sta mentendo, anche perché lei mente da schifo e si fa beccare tutte le volte, e lui sapendolo cosa fa? Niente… dico… la tua futura moglie ti sta mentendo spudoratamente e tu che fai? Niente… ma allora sei davvero tonto forte.
Dong-bi però non era scomparsa nel nulla, ma come farebbe ogni cara amica che si rispetti, non avvisa l’amica del cuore ma il fidanzato tonto della suddetta (inutile storcere il naso è così che si fa, anche perché i due si sono conosciuti prima, la fidanzata è arrivata dopo e ce sta il diritto di prelazione ) ma cosa ancora più naturale è chiedere al fidanzato della propria amica, di essere il suo cane per una notte… sì, sì, proprio il cane, perché la poveretta è sola e vuole un cucciolo da coccolare mentre si addormenta e il povero mal capitato che fa? Accetta ovviamente e passa la notte con lei, nel suo lettone… ma non pensate male…. Ahh che brutti pensieri, non dimenticate che è sempre un drama kore… mica il ragazzo ha strani grilli? Dorme e basta. (Te pareva… tonto com’è).
Dopo l’ennesima bugia della sposa il ragazzo finalmente si scoccia e dice il fatto suo alla futura moglie… “mica sono un idiota, l’ho sempre saputo che mi mentivi!” (era giusto che puntualizzassi la cosa perché nessuno ha pensato per tutto il drama, che tu fossi un idiota .). I due si lasciano e lui per consolarsi va dall’amica… (anche lui aveva bisogno di un cane)

(Nonostante tutte le tue buone intenzioni caro sposo, nessuno crederebbe che non avete fatto niente visto che ti ritrovi in mutande). Dong bi però era vestita, essendo un drama kore ce sta che l’amica resti incinta u,u. Dormire così vicini è rischioso in Corea, se fossi nei suoi panni mi preoccuperei, ci ha dormito due volte, gemelli?
Tutte queste vicissitudini insieme ai preparativi del matrimonio che a sto punto non si sa se avverrà, fanno venire la gastrite alla sposa e si sa che l’unica cura per la gastrite è una bella tracagnata di soju in compagnia del tuo ex (infatti per la gastrite consiglio sempre un flaconcino di alcool 95° dopo i pasti principali insieme al tuo ex, se poi non hai più nessun tipo di rapporto col tuo ex, ti attacchi e ti tieni la gastrite).

I genitori alla rottura del fidanzamento reagiscono in modo diverso. La mamma della sposa si sente in colpa, pensa che tutto sia a causa sua; il divorzio della figlia, la rottura, la sorella ritardata, la fame nel mondo, il buco dell’ozono… e cerca di cambiare atteggiamento.
La mamma dello sposo invece che fa? Beh è una suocera Kore che volete che faccia? Si preoccupa per se stessa ovvio!
Lo sposo però non ricorda cos’è successo quella notte (Sei spaventato di aver fatto le cosacce… cattivello!!) e chide chiaramente a Dong bi: “L’abbiamo fatto?” Ma dong bi vuole tenersi sta cosa fino all’ultimo episodio (maledetta) anche perché, quando la sposa le dice “Allora… avete fatto qualcosa per cui è impossibile tornare indietro?”… lei risponde:… io sì, lui no, ma potrebbe farlo in futuro (Che cavolo di risposta è? Che vuol dire? L’ha violentato senza il suo consenso? Ha fatto quello che ogni doramista sogna di fare ad uno gnocco kore? Dicci come hai fatto te ne prego )
Ma resteremo con questo dubbio per moolto tempo.
In tutto questo tram tram, ecco che torna redivivo il bastardo, il quale non appena scopre che Dong bi è figlia della Apple, si ritrova improvvisamente innamorato di lei… ma lei gli molla il due di picche dicendo di essere innamorata di un altro (chi sarà mai? Impossibile capire di chi si tratti ) infatti per illuminare i nostri dubbi gli dice di essere innamorata del cane (ok non dice proprio così ma ci siamo capiti)

Bell’amica  con la scusa del cucciolo… la prossima volta prenditi un orsacchiotto.

Ma il bastardo, non essendo così idiota come il cugino,  le dice: “questo non è amore, sei confusa perché sei passata dalla freddezza al calore improvvisamente” (beh in questo caso ha pure ragione, lui gentilezza zero, ma abbiamo capito che ha bisogno dello psicologo e lo perdoniamo, ma soprattutto lo perdoniamo perché è troppo figo  cmq una bella seduta di gruppo dallo psicanalista no?)
In tutta questa storia non può mancare la madre del bastardo, che da brava suocera Kore, s’intromette anche lei (In un drama è più facile che nevichi ad agosto o che un cellulare abbia ricezione nell’epoca Joseon, che un genitore non rompa le ballonjole)
“Puoi uscire con mio figlio ma non puoi sposarlo” (grazie è già qualcosa…) E Dong bi tanto carinamente risponde “ok”, come a dire; vabbè non è che m’interessi altro, mi basta trombarlo… (come non dargli torto )
Ma il cuginetto (stavolta non mi va di chiamarlo bastardo in fondo mi è piaciuto più di tutti) c’è rimasto un po’ male di sta cosa, e le chiede… “no scusa… fammi capire… non mi vuoi?”  e lei…“No” e alla fine lei… muahah non ve lo dico. Chi sceglierà Dong bi? Il cane o il bastardo? E che fine ha fatto la sposa? Si sposerà o diventerà wedding planner?

Voto 5 su 10. Lo consiglio di vedere solo per loro due che sono un gran bel vedere 

Luck Key (ita)

Titolo: Luck Key/Lukki/럭키
Genere: Commedia-Azione
Durata: 112 min.
Anno: 2016
Sceneggiatura: Kenji Uchida, Jang Yoon-Mi
Regia: Lee Gye-Byeok
Paese: Corea del sud

CAST
■ Yoo Hae-jin è Choi Hyung Wook
■ Lee Joon è Yoon Jae Sung
■ Jo Yoon-hee è Kang Ri Na
■ Lim Ji-yeon è Song Eun Joo

TRAMA

Yoon Jae Sung,  è un aspirante attore squattrinato e pieno di debiti che decide di suicidarsi, ma vuole morire pulito e decide di andare in un bagno pubblico. Lì incontra Hyung Wook  un killer considerato tra i più spietati, che è andato a ripulirsi dopo aver ucciso un uomo. Sfortunatamente per lui, scivola su una saponetta e perde la memoria. Jae Sung non sa che quell’uomo è un killer, ma vedendo i suoi abiti costosi e il suo orologio di marca, decide di sostituire la chiave del suo armadietto, con quella di Hyung Wook.

Le vite di questi due uomini verranno stravolte ed entrambi dovranno adattarsi a uno stile di vita che non gli appartiene. Il disordinato e mite Jae Sung saprà adattarsi alla vita spericolata di un killer? E Hyung Wook, perfetto e abile in tutto, riuscirà a vivere nei panni di Jae Sung?

Trailer

 

Info-Luck-Key

Like for Likes (ita)

Titolo: Like for Likes/Please Like Me
Genere: Commedia-Romantica
Durata: 120 min.
Anno: 2016
Sceneggiatura: Park Hyun Jin – Yoo Young-a
Regia: Park Hyun Jin
Paese: Corea del sud

CAST
■ Lee Mi Yeon è Jo Gyunga
Yoo Ah In è Noh Jin Woo
■ Kim Joo Hyeok è Jung Sung Chan
Choi Ji Woo è Ham Joo Ran
Kang Ha Neul è Lee Soo Ho
Esom è Jang Na Yeon

TRAMA

Jin Woo è un attore famoso che ha terminato da poco il servizio di leva. Al suo rientro gli propongono di lavorare ad un drama, ma rifiuta perché la sceneggiatrice è Jo Gyunga, con la quale ha avuto un’avventura di una notte due anni prima. Anche Jo Gyunga non lo vuole nel suo drama, ma è comunque costretta a chiederglielo. Un giorno, ad un matrimonio, Jin Woo vede il figlio di Gyunga e sospetta di esserne il padre…

Sung Chan gestisce un piccolo ristorante ed è in procinto di sposarsi. Affitta un appartamento che dovrà essere il suo nido d’amore ma viene mollato prima delle nozze. Il proprietario dell’appartamento è l’assistente di volo Joo Ran che per un investimento sbagliato si ritrova senza un posto in cui vivere. Sung Chan però, avendo l’animo del buon samaritano, le permette di condividere l’appartamento e l’aiuterà anche a trovare un fidanzato, nonostante il suo caratteraccio.

Soo Ho è un ragazzo timido che non ha mai avuto una ragazza e nonostante la sua sordità è un bravo compositore. È un cliente abituale del ristorante di Sung Chan ed è proprio lì che incontra il produttore Na Yeon. Dopo essersi scambiati dei messaggi su Facebook, decidono di frequentarsi, ma Soo Ho fa di tutto per nascondere la sua sordità.

Trailer

TRADUZIONE: EXENIA

REVISIONE: A. J.

Info-Like

My Father is Strange

Info:

Drama: My Father is Strange/ Father is Strange/아버지가 이상해
Regia: Lee Jae-Sang
Sceneggiatura: Lee Jung-Sun
TV: KBS2
Episodi: 52
Anno: 2017
Paese: Corea del sud

Interpreti:

Kim Yeong Cheol è Byun Han Soo
Kim Hae Sook è Na Young Shil
Ryu Soo Young è Cha Jung Hwan
Lee Joon è Ahn Joong Hee
Ahn Hyo Seop è Park Cheol Soo
Min Jin Woong è Byun Joon Young
Lee Yoo Ri è Byun Hye Young
Jung So Min è Byun Mi Young
Ryu Hwa Young è Byun Ra Young

Trama:

Cosa succede quando la vita pacifica di una famiglia media viene sconvolta da un evento inaspettato?

Byun Han Soo è un uomo comune, gestisce un ristorante e conduce una vita tranquilla con la moglie e i suoi 4 figli. Come ogni famiglia normale, ci sono problemi classici di gesione della casa, i soldi che non bastano mai, le speranze che i propri figli trovino un lavoro stabile… insomma è una famiglia come le altre. Un giorno però si presenta Ahn Joong Hee e afferma di essere il figlio di Byun Han Soo, così la vita serena di questa famiglia viene stravolta, ma a quanto pare questo non è il l’unico segreto di Byun Han Soo…

Considerazioni personali:

Questo drama lo si inizia quando si vuol vedere qualcosa di leggero, non troppo impegnativo… eppure sono 52 ep di assoluta goduria. Tutti i personaggi sono delineati bene, ognuno con la sua personalità. Spiccano tutti dai genitori ai 4 figli, forse il fratello un po’ meno ma le tre sorelle sono tutte adorabili.

Come ogni famiglia che si  rispetti, i 4 fratelli vanno sempre d’amore e d’accordo…

e i genitori non possono fare a meno di amarli.

Ma conosciamoli uno ad uno:

Il fratello maggiore: Byun Joon Young

È un ragazzone che studia per entrare a lavorare nel servizio civile, peccato che ci ha provato già 5 volte e ancora niente. Ha una fidanzata misteriosa… vabbè il mistero verrà svelato pure fin troppo presto.  

Non mi dilungo sul suo personaggio anche se è carino non è di fondamentale importanza per la storia… Iniziamo a conoscere… le sorelline…
La maggiore delle sorelle, Byun Hye Young

È un avvocato rampante che; Uh, Signur! Quando apre bocca vi farà scappare

un applauso; per la serie “ti stronco con mezza parola”. 

Lei è straordinaria…  a parte che l’attrice l’ho già apprezzata in “Super Daddy Yul”. Nella sua recitazione è davvero carismatica, sa miscelare ad arte ironia e tragedia… lei di certo merita un “yul” come voto.

Il suo bel carattere spicca subito e si fa notare già dai primi episodi, soprattutto per la sua relazione segreta e turbolenta con Cha Jung Hwan, un uomo sveglio come lei

ma che sa tenerle testa 

Ma ben presto andranno, d’accorto… molto d’accordo 

Poi c’è la figlia di mezzo Byun Mi Young

Timida, ex cicciottella che si porta ancora dietro il trauma di essere stata vittima di bullismo…

Lei è uno dei personaggi che ho amato di più. Apparentemente sembra un po’ scialba rispetto alle sue sorelle, una carismatica e l’altra un po’ viziata, ma in realtà è molto dolce, ed ha una forza che riesce a celare bene ma che sa tirar fuori nei momenti giusti… Non si può non amare questo personaggio, anche perché insieme ad Ahn Joong, sono le fondamenta di questo drama… senza di loro crollerebbe tutto e non sarebbe stato lo splendido drama che invece è. 

Poi c’è la piccola, Byun Ra Young

Sveglia e caparbia, un po’ troppo superba all’inzio, ma sa il fatto suo. 

Soprattutto è quella che ha la vista più aguzza. Ci vede bene.. eccome se ci vede… ha notato subito la figaggine dell’allenatore di calcio 

Vabbè pure un cieco la noterebbe, ma è anche quella che becca i segreti di tutti. Sembra un’oca, ma è un genio.

Infine ma non per ultimo, c’è Ahn Joong, “l’attore”, ex idol che inizia a recitare… e lo fa da cani… 

Lui  si impegna poverino… ma non gli riesce proprio. Questo è il personaggio che più ho amato e sicuramente quello su cui gira poi tutto il drama.

All’inizio è il classino signor “tu mi stufi”, con la puzza sotto al naso che si crede chissà chi, basta vedere come va conciato… 

Ma resta sempre e comunque figo da morire… soprattutto con gli occhiali 

In realtà è un bambinone, cresciuto senza l’amore di una famiglia. Anche per questo recita da cani… come fa ad essere credibile e interpretare certi sentimenti se non li ha mai sperimentati? 

Proprio per migliorare come attore cerca suo padre, di cui non ha notizie dalla nascita e viene a scoprire che quell’uomo… che non si è mai curato di lui… che non l’ha mai cercato per 35 anni… vive felicemente con la sua bella famiglia e ha ben 4 figli. Certo è dura da digerire, ma diventa più sconvolgente quando scopre che la sua neo manager è sua “sorella”… con la quale aveva già avuto un primo incontro, non troppo felice… 

La prima accoglienza in casa, di questo nuovo “fratello” è molto “calorosa”.

Povero cucciolo, mica è colpa sua se è venuto al mondo? 

Però sarà bello vedere come entrerà a far parte pian piano della famiglia…

e vi si struggerà il cuore a vedere la sua sofferenza quando inizierà a provare dei sentimenti per Mi Young, che vanno oltre l’amore fraterno.

Per certi aspetti la storia è pure un po’ scontata, come ad es le coppie che si formeranno… ma per me che ho la “sindrome del secondo leed” è solo un sospiro di sollievo  ma non prendetelo sotto gamba… perché ci saranno avvenimenti che davvero non avreste immaginato.

Quindi non posso che consigliarvi questo splendido drama, che alterna lato spensierato e divertente a sentimento ed emozione… Sono 52 ep, ma scorrono leggeri, non ci si accorge neanche della lunghezza. Amerete ogni singolo personaggio, chi più, chi meno, ma alla fine li amerete tutti. Anche la madre di Cha Jung Hwan, un po’ snob, ma adorabile anche lei, soprattutto con le sue mise molto sobrie 

 

Inoltre Lee Joon e Ryu Hwa Young son stati nominati per il premio, “miglior coppia”… e spero che vincano, perché tra lro due c’è un alchimia pazzesca.

Fighting!!

Per chi volesse seguirlo, lo trovate su – Cookies’n Candies in collaborazione con  RaMa Girls Fansub

L’ho amato talmente tanto che ho fatto anche un video, ma attenzione è SPOILER per alcune scene kiss, quindi fate voi se vederlo o meno 

The Throne – Sado (ita)

.

Titolo: The Throne/Sado/사도
Genere: Storico,  Drammatico
Durata: 125 min.
Anno: 2015
Sceneggiatura: Jo Chul Hyun, Oh Seung Hyun, Lee Song Won
Regia: Lee Joon Ik
Paese: Corea del sud

CAST
■ Song Kang Ho è Re Yeongjo
Yoo Ah In è Principe Sado
■ Moon Geun Young è Hyegyeong (moglie di Sado)
■ Jeon Hye Jin è Yeong Bin lee (madre di Sado)
■ Kim Hae Sook è Regina Madre Inwon
■ Jin Ji Hee è Principessa Hwawan
■ Seo Ye Ji è Regina Jeongsun
■ Park So Dam è Moon So Won
Uhm Ji Sung è giovane Principe Sado
Lee Hyo Je è futuro Re Jeongjo
■ So Ji Sub è Re Jeongjo (cameo)

TRAMA

Questo film narra la storia del principe Sado, dalla sua infanzia alla sua morte, per mano del padre, Re Yeongjo.  All’età di 27 anni, fu rinchiuso per ordine di suo padre in una cassa di riso, in piena estate, dove morì di fame e di sete. Il padre gli conferì il titolo di “Sado” dopo la sua morte, che significa “Pensando con grande dolore”.

Come Re, Yeongjo fu sempre messo in discussione, perché figlio di una concubina. Per cui riversò tutte le sue aspettative, sull’unico figlio legittimo… Sado. Fin da bambino, Sado dimostrò di essere sveglio e intelligente, ma era uno spirito libero; amava l’arte e le arti marziali e questo non piaceva al padre, che lo voleva sempre chino sui libri. Per questo in Sado nacque un profondo rancore nei suoi confronti.

Dopo la morte della Consorte Reale e della Regina Madre, a cui era molto affezionato e a seguito di una malattia che lo lasciò incosciente per molto tempo, Sado iniziò a dare segni di squilibri mentali; veri o presunti, di questo non si è certi. C’è ancora un velo di mistero sulla sua morte. Non si sa se fosse veramente pazzo o se fu tutta una cospirazione politica. Di certo la sua atroce morte, per mano del suo stesso padre, è qualcosa che sconcerta ancora oggi.

Nota:

Perché Sado fu rinchiuso in una cassa e non giustiziato? Secondo la legge del tempo, nessuno poteva toccare un membro della famiglia Reale.

I principi non venivano picchiati, erano altri a essere picchiati al posto loro. Inoltre, la colpa dei padri ricadeva sui figli e la colpa dei figli ricadeva sui padri, contorto ma era così.

Anche per questo, Re Yeongjo declassò il Principe a comune cittadino.

In primis, per poterlo punire “toccare” – anche perché gli unici ad essere giustiziati sarebbero stati la moglie e il figlio di Sado – ma anche per evitare di giustiziarlo come criminale. L’essere padre di un criminale, l’avrebbe reso tale a sua volta, anche se non punibile.

Per questo, il Principe Sado non fu giustiziato… fu lasciato morire.
Durante i suoi ultimi giorni di vita fu spogliato del suo titolo, e anche dopo la sua morte, durante il regno di re Yeongjo, fu vietato pronunciarne il nome.

Il figlio di Sado, quando salì al trono come re Jeongjo, disse: “Io sono il figlio del principe Sado”. Jeongjo mostrò sempre una grande devozione filiale verso suo padre e reintegrò il suo nome originale e il suo titolo di “Principe Jangheon”.

Trailer 

Info-Sado

Mr. Brain (ita)

■ Titolo: MR. BRAIN
■ Genere: Commedia, Mistero, Crimine
■ Episodi: 8
■ Anno: 2009
■ Paese: Giappone
■ Sceneggiatura: Mitsuharu Makita, Yoshiko Morishita
■ Regia: Katsuo Fukuzawa, Yuichiro Hirakawa, Daisuke Yamamuro

CAST
Kimura Takuya: Tsukumo Ryusuke
Ayase Haruka: Yuri Kazune
Mizushima Hiro: Hayashida Toranosuke
Kagawa Teruyuki: Tanbara Tomomi
Daichi Mao: Sasa Miharu

TRAMA

Tsukumo è un neuroscienziato molto particolare; alza la mano come se fosse a scuola quando non capisce qualcosa e ama mangiare le banane. Nel suo lavoro però è un genio, molto acuto e brillante. Lavora infatti per l’Istituto di Polizia Scientifica ma è un po’ sottovalutato dai colleghi perché ha l’innocenza di un bambino. Ryusuke però non è affatto infantile, è solo un animo puro che vuole trovare una risposta logica, anche quando la logica non sembra centrarci affatto. Per far ciò usa i metodi più disparati e “vittima” dei suoi esperimenti è la sua assistente Yuri, che lo guarda sempre con occhi adoranti. Compagni di indagine sono l’ispettore di polizia Tanbara e il suo assistente Hayashida. Grazie ai metodi folli di Tsukumo, verranno risolti i casi più disparati e contorti e sarà bello vedere come tutti  colleghi malfidati e lo stesso Tambara, non potranno far a meno di chiedere il suo aiuto e di iniziare a provare una certa ammirazione, tanto da pensare che forse… mangiare banane… fa bene al cervello 😄

P.S. A parte il cast principale, ogni ep si arricchisce di star affermate, come: Gackt, Koyuki, Kamenashi Kazuya, Sato Takeru, Nakama Yukie e molti, molti altri.

Sigla iniziale del drama

Traduzione, grafica e hardsub: Exenia
Revisione: Alannah

N.B. Se volete vederlo in italiano, scaricate il file info e leggete cosa c’è scritto

Info-Brain

Bride of the Water God (ita)

 

■ Titolo: Bride of the Water God/The Bride of Habaek/하백의 신부
■ Genere: Commedia, Romantico, Fantasy
■ Tv: TVN
■ Episodi: 16
■ In Onda: 3 Luglio 2017
■ Slot: lunedì e martedì 23:00
■ Paese: Corea del sud
■ Sceneggiatura: Yoon Mi Kyung, (manhwa) Jung Yoon-Jung
■ Regia: Kim Byung Soo

CAST
Nam Joo Hyuk è Ha Baek
Shin Se Kyung è Yoon So Ah
Krystal è Moo Ra
Gong Myung è Bi Ryum
Lim Ju-Hwan è Hoo Ye

TRAMA

La settima marea rossa, proclamerà il futuro Imperatore degli Dei e Habaek, Dio dell’Acqua e prossimo Imperatore, deve riunire le tre Pietre degli Dei, per creare il sigillo reale. Le pietre sacre però, sono custodite da tre Dei che vivono sulla terra. Per tanto Haebek  è costretto a scendere nel mondo degli uomini, accompagnato dal suo fedele servitore Nam Soo Ri, per cercare gli Dei Custodi. Durante il viaggio però, la mappa con le coordinate per trovare le tre pietre, si perde e con essa anche i poteri di Habaek, che sarà costretto a questo punto,  a chiede aiuto ad una discendete di servitori divini So Ah.

So Ah, è una psichiatra, sommersa dai debiti del padre che non ha la più pallida idea di essere, da generazioni, destinata a servire un Dio. Per cui quando incontra Habaek, lo considera un pazzo e non capisce come mai si ritrova quest’uomo, bello ma dai modi rudi, sempre tra i piedi. Casualità vuole che So Ah incontri anche Hoo Ye, presidente di un resort che dopo un incontro non troppo felice, s’innamorerà di So Ah.

Habaek  di certo non è contento di stare sulla terra e deve risvegliare i ricordi della discendente a qualunque costo, per cui non esita ad usare il “bacio divino”, ma So Ah però non si risveglia e sembra proprio che tutto le vada storto. Non solo si ritrova a stare dietro ad un personaggio eccentrico come Habaek ma deve pure fare i conti con altri Dei come Moo Ra,  innamorata di Habaek da sempre e Bi Ryeom, Dio del vento.
Il bacio divino però sembra avere degli strani effetti collaterali…

Trailer

 

N.B. Se volete vederlo in italiano, scaricate il file info e leggete cosa c’è scritto

Info-Wather

 

In collaborazione con world of sub

Empress Ki

  • Drama: Empress Ki/기황후
  • Regia: Han Hee
  • Sceneggiatura: Jang Young-Cheol, Jung Kyung-Soon
  • TV: MBC
  • Episodi: 51
  • Anno: 2013 – 2014
  • Paese: Corea del sud

Cast

  • Ha Ji-won è Ki Seung Nyang
  • Ji Chang-wook è Ta Hwan
  • Joo Jin-mo è Wang Yoo
  • Baek Jin-hee è Tanashri
  • Kim Ji-han è il generale Tal Tal
  • Jeon Kuk-Hwan è il Primo Ministro Yeon Chul

Trama

Narra la storia vera, tra finzione e realtà di una schiava che riesce a diventare Imperatrice di Yuan.

Goryeo era uno stato ancora giovane, assoggettato all’impero mongolo della dinastia Yuan e come ogni stato vassallo era tenuto a cedere dei contributi all’impero dominante, come; terre, armi, cibo e donne (di qualunque età o ceto sociale).
La piccola Nyang e sua madre furono deportate proprio come tributo ma Nyang riuscì a scappare grazie al sacrificio della madre. Da quel momento crebbe come un uomo per non rischiare nuovamente di essere deportata. Imparò le arti marziali e il tiro con l’arco, diventando così abile da attirare l’interesse del Re di Goryeo, Wang Yoo che la assoldò tra le sue guardie. Wang Yoo è un Re forte, capace e coraggioso e fu inevitabile per Nyang iniziare a provare dei sentimenti per lui.
In quel periodo Ta Hwan, fratello dell’imperatore di Yuan ed erede al trono, fu mandato in esilio dal Primo Ministro, con lo scopo di ucciderlo in terra straniera e impossessarsi del trono. Wang Yoo per evitare che il suo Paese ne potesse subire le conseguenze, incaricò Nyang di proteggere il futuro Imperatore. Ta Hwan però a differenza del coraggioso Re di Goryeo, è un ragazzo, immaturo e codardo, cresciuto ignorante per volere del Primo Ministro ma nonostante questo, suscita tenerezza in Nyang. Questo sentimento si trasformerà presto in odio, quando Ta Hwan, a causa delle minacce e delle pressioni del Primo Ministro, sarà costretto a tradire la fiducia di Nyang e a far giustiziare il padre di lei, accusandolo di essere il mandante della sua uccisione. Da quel momento l’unico scopo di Nyang è quello di vendicarsi e come Donna, entra a palazzo di Ta Hwan, ora mai divenuto Imperatore…

Considerazioni personali

Questo è il drama che mi ha fatto conoscere il mio capo harem “Ji Chang Wook(ho mandato in pensione il mio Deo, Bae Yong Jun)

Questo è davvero uno dei miei drama preferiti, insieme a Scarlet, Goblin e the legend… al momento sono questi.

Molti di voi non l’avranno visto, frenati da 51 ep… eh, sì sono tantissimi per un drama kore, però vi posso assicurare che merita davvero… dico sul serio, non bloccatevi per questo. L’inizio del drama è molto scorrevole e ci sono scene esilaranti, come il primo incontro tra Nyang e Ta Hwan. Lui qui mostra tutta la sua figaggine e il suo sex appeal, cadendo nel letame e facendosi picchiare da Nyang… come si può non apprezzare una scena così “romantica”?

All’inizio Ta Hwan ne fa di tutti colori alla povera Nyang ma ben presto diverranno amici, anche se quest’amicizia s’inclinerà quando Ta Hwan sarà costretto a tradire la fiducia di Nyang 

All’inizio Ta Hwan non è proprio il principe azz… l’imperatore azzurro che potremo immaginare. È un ragazzino viziato, codardo e succube del Primo Ministro. È praticamente l’opposto del Re affascinate e coraggioso, leader ammirato e rispettato che è Wang Yoo; però questo ragazzino, che non ha mai ricevuto amore, tranne che dal fratello maggiore (l’imperatore morente) riuscirà a entrare nei vostri cuori. Certo… è facile apprezzare la figaggine di Ji Chan wook, ma qui mostra davvero, come in ogni suo drama, le sue grandi doti artistiche.

Quando Nyang entra a palazzo con lo scopo di vendetta, Ta Hwan la osserva e si innamora quasi subito di lei e fa di tutto per conquistarla… anche se usa dei metodi sbagliati…

ma sicuramente poi trova il metodo più adatto… perché poi lei finalmente capitola. Ci vogliono non so quanti ep prima che avvenga… ma succede…. che ci volete fare, con argomenti così interessanti chi non capitolerebbe? 

Nyang così diventa Imperatrice…

È bello vedere come cambiano man mano i sentimenti di lei e il carattere di lui. È un passaggio graduale ma evidente in entrambi.

Lei prima amava Wang Yoo o meglio… credeva di amarlo, a mio parere era solo ammirazione; poi l’affetto che prova per Ta Hwan diventa amore vero. Lui invece mostra sempre il suo amore… un amore immenso e sincero dall’inizio alla fine ma cambia il modo di manifestarlo… da amore impacciato di un ragazzino… diventa l’amore forte di un uomo. Perché è proprio lui a cambiare. Questo imperatore tontolone, riuscirà a maturare grazie a Nyang diventando un vero Imperatore e non un burattino in mano al Primo Ministro.

Non mancheranno occasioni in cui vi ribollirà il sangue, specie quando entrano in scena il Primo Ministro e sua figlia Tanashri… prima moglie di  Ta Hwan, (anche se poi entrerà in scena un’altra figura che a confronto Tanashri diventa una Santa). Una scena che mi ha riempito di rabbia è quando il Primo Ministro si siede sul trono e sfida apertamente l’imperatore… come a dire “Sono io quello che comanda, tu sei solo di facciata”. Che nervi! 

In diverse occasioni umilierà il nostro povero Ta Hwan… ma non mancheranno scene dolcissime come quella in cui Nyang consola Ta Hwan, si tappa le orecchie e gli fa capire che lei non sente e non vede niente delle cattiverie che fanno o dicono su di lui… 

Soprattutto non mancheranno le scene pucciose… quelle che vi faranno sospirare…     

Potrei parlare all’infinito di ogni momento toccante, di questo drama ma non voglio togliervi il gusto di vederlo… Ho parlato dei personaggi principali, ma davvero questo drama ha un cast eccezionale. Ho amato anche i personaggi secondari come il generale Tal Tal, uno stratega eccezionale, come lo è stato davvero; ed il capo degli eunuchi, che aiuterà i protagonisti in diverse occasioni.

Non solo la storia è fatta benissimo ma ci sono scenografie e costumi stupendi, per non parlare degli ornamenti… e io, come amante dei “brillocchi” non ho potuto fare a meno di notarli. 

Infine vi lascio con un video fatto da me, con le scene che ho più amato. Il video è diviso in due parti… come in realtà è anche questo drama… lato comico e lato serio… lo amo troppo questo drama… vedetelo… vedetelo… vedetelo… 

Sub ita a cura del DSS-Italian team

Life Risking Romance (ita)

Titolo: Risking Romance/목숨 건 연애
Genere: Commedia, Romantico, Thriller
Durata: 103 min.
Anno: 2016
Sceneggiatura: Kim Ba-Da, Song Min-Gyu
Regia: Song Min-Gyu
Paese: Corea del sud

CAST
■ Ha Ji-Won è Han Je In
Chun Jung Myung è Seol Rok Hwan
■ Chen Bolin è Jason
■ Yoon So Hee è Jung Yoo Mi
■ Oh Jung Se è Heo Jong Goo

TRAMA

Je In è una scrittrice di romanzi gialli che ha pubblicato un solo romanzo in cinque anni. Proprio per questo, cerca ispirazione in giro per il suo quartiere, pieno di possibili criminali. Così ogni volta che vede un sospetto, non esita a riferirlo alla polizia; ma dopo aver denunciato mezzo quartiere, non le crede più nessuno.

Allora decide di trovare spunto, da una serie di omicidi seriali, che stanno accadendo da un po’ di tempo in quella zona. Per questo indagherà da sola per catturare lei stessa il serial killer. Peccato che Je In, sia una pessima detective. Fortunatamente ad aiutarla, ce ne sarà un vero, Rok Hwan; suo amico d’infanzia e innamorato di lei, da sempre. 

Un giorno, però, appare un uomo affascinante e misterioso, Jason, che farà palpitare il cuore di Je In; ma le sue paranoie non tarderanno a mostrarsi. Jason è affascinante ma nasconde di certo qualcosa e forse non è l’unico… anche Rok Hwan nasconde un segreto.

Riuscirà Je In a catturare il criminale? O sarà il criminale a catturare Je In?

 Trailer

 

Info-Life.R.R.

Wind of new life – Vento di nuova vita

107926669-176-kc37d39

 

Oltre alla passione per i drama, amo immensamente leggere. Mi piacciono i triller, gli storici, i fantasy e soprattutto le storie d’amore… perché sono un’inguaribile romantica!

In genere leggo solo autori conosciuti ma da pochissimo mi è capitato per le mani questa chicca, Wind of new life. Lo iniziai per puro caso consigliatomi da un’amica. Già dal primo capitolo, noto lo stile scorrevole e l’inizio di una storia, che diventa interessante man mano che leggi. All’inizio pensavo fosse qualche scrittrice a me sconosciuta perché non conoscevo wattpad; invece ho scoperto con mia grande gioia, che si tratta di una ragazza italiana, che scrive per passione.

Proprio per questo ho preso la decisione di recensire questo romanzo non ancora concluso…

Ma vediamo di che parla.
La protagonista è Selene, una ragazza che si è ritrovata a gestire una caffetteria a Taegu. Un giorno, durante un temporale, nella caffetteria, entra un ragazzo particolare, bello e misterioso, dai capelli rosa; Xi Yong, che mi ricordava tanto Gd, per questo ho messo lui come immagine.

Xi Yong però non è un ragazzo comune, infatti è un cantante, ma la sua particolarità non è solo quella; quando il suo cuore è sereno, splende il sole… (che sia un altro goblin?) Sicuramente però, sia lui che i sui amici; Nathan, Shisu, Choigi e Takumi, non sono persone comuni. Di certo stanno cercando qualcuno… cosa nascondono questi splendidi ragazzi, che sembrano venire da un mondo lontano e sconosciuto? 

Sono curiosa di scoprirlo anch’io continuando a leggere questa storia. Se volete iniziarlo anche voi, potete trovarlo qui Wind of new life